Orario in Inglese: what time is it?


Orario in Inglese: what time is it?

Come si dice che ore sono in Inglese?

What time is it? Quante volte qualche turista di passaggio ci ha chiesto e l’ora e una volta guardato l’orologio abbiamo risposto con qualche “ehm…ehm..” impacciato prima di dare la risposta? Eh sì è capitato a tutti…perché nonostante il popolo anglosassone usi esattamente i nostri stessi orologi analogici o digitali, vi sono molte differenze riguardanti come esprimere l’orario in Inglese.

Chiedere e dire l’ora è una delle frasi che generalmente si impara nelle prime lezioni di ogni corso di Inglese.

  • What’s the time, please?
  • What time is it, please?
  • Could you tell me the time please?

Innanzitutto partiamo dalla prima differenza base: il sistema orario inglese ruota su 12 ore anziché 24. Esso infatti si divide in 12 ore riferite all’orario diurno e 12 ore riferite all’orario notturno, utilizzando le particelle am o pm accanto all’orario. Am, che letteralmente sta a significare ante meridiem, va ad indicare le ore mattutine, dell’ante meridiano, da mezzanotte a mezzogiorno; al contrario troviamo pm, cioè post meridiem, che sta a segnalare le ore notturne, del post meridiano, da mezzogiorno a mezzanotte.

Indicare mezzogiorno e mezzanotte utilizzando la forma “12 o’clock” andrebbe a creare della confusione, ecco le forme per evitarla:

  • Mezzogiorno 12:00 = NOON/MIDDAY/12PM
  • Mezzanotte 00:00 = MIDNIGHT/TWELVE MIDNIGHT/ 12AM

N.B. = il sistema orario basato sulle 24 ore viene utilizzato dagli inglesi solo negli orari dei mezzi di trasporto pubblici o programmazioni in scalette particolari.

Passiamo ora a parlare della peculiarità della lettura dell’orario in inglese. L’attenzione deve essere rivolta in particolare ai minuti. Quando la lancetta dei minuti segna l’ora completa, l’orario viene letto indicando il numero dell’ora seguito immediatamente dalla parola O’CLOCK, abbreviazione del termine of the clock, che sta appunto ad indicare l’ora in punto.

Orologio in Inglese: to & past

Orologio in Inglese

Quando l’orologio indica i minuti situati nella prima metà del quadrante, da uno a 29, in inglese dobbiamo indicare il numero dei minuti, seguito dalla parola past ed infine indicare l’ora a cui si riferiscono i minuti stessi. Quindi per intenderci il past si usa dall’ora in questione fino alla mezzora completa.

Quando l’orologio indica i minuti situati nella seconda metà del quadrante, da 31 a 59, invece, in inglese dobbiamo indicare il numero dei minuti che mancano per arrivare all’ora successiva, seguito dalla parola to ed indicare l’ora che stiamo raggiungendo.

Quando l’orologio segna la mezz’ora di ogni ora, la formula utilizzata in inglese è half past

It’s half past eleven am” (11:30am)

Quando l’orologio segna il quarto d’ora, invece, cioè i quindici minuti prima o dopo un certo specifico orario, la formula che troviamo è a quarter past / a quarter to

It’s a quarter past seven pm” (7:15pm)

It’s a quarter to seven pm” (7:45)

 

2:00

Two O’clock

Two O’clock

2:05

Five past two

Two oh five

2:10

Ten past two

Two ten

2:15

a quarter past two

Two fifteen

2:20

Twenty past two

Two twenty

2:25

Twenty-five past two

Two twenty-five

2:30

Half past two

Two thirty

2:35

Twenty-five to three

Two thirty-five

2:40

Twenty to three

Two forty

2:45

a quarter to three

Two forty-five

2:50

Ten to three

Two fifty

2:55

Five to three

Two fifty-five

3:00

Three o’clock

Three o’clock

Naturalmente si può leggere l’orario anche specificando ogni minuto e in quel caso utilizzeremo la formula minutes quando andremo ad indicare un numero di minuti che non rappresentano multipli di 5.

In ogni caso nella lettura dell’orario, qualsiasi si scelga, bisogna sempre ricordarsi di indicare alla fine della frase se si tratta di ore antimeridiane (am) oppure ore pomeridiane (pm).

 

Categoria: Lezioni di Inglese | Articolo scritto da:

Dove Siamo

Logo Metropolitana Roma Piazza Bologna (linea B)
Via Ravenna, 34

Scrivici

i termini e le condizioni stabilite sulla Privacy Policy *

Dimostra che non sei un robot