Halloween


Halloween

Halloween

Quale è la vera storia di Halloween e perché lo festeggiamo il 31 di ottobre? A dire il vero la storia di Halloween parte da una festività pagana che veniva chiamata Samhain. Il termine “Halloween” è un abbreviazione di “All Hallows’Eve” e significa “serata santificata” o anche “serata consacrata”. Infatti già centinaia di anni fa le persone si vestivano da santi e andavano da porta a porta e questo dà origine alla tradizione, dei costumi di Halloween, dei vestitini Halloween, del trucco Halloween, la zucca Halloween e del rito del “dolcetto o scherzetto”. Biscotti Halloween.

Halloween

Il mese di ottobre è ufficialmente il mese dedicato a questa importante festa di origine anglosassone, Halloween. Non importa quanto si è grandi di età, bisogna riconoscere che questa festività non è mai andata fuori moda, anzi è diventata una festa di tendenza anche in paesi dove tradizionalmente non si festeggiava fino a pochi anni fa. Visto che suscita curiosità infatti, vi siete mai chiesti circa le origini e la storia di tale festa? Cerchiamo dunque di condividerne le origini e il significato con la speranza che tale conoscenza renderà i vostri festeggiamenti ancora più piacevoli!

Origine Halloween

Dopo tutto parliamo di una festa di vecchia data la cui origine è datata a molti secoli fa. Infatti è molto più vecchia di quanto possiate pensare. E i maghi e le streghe con cui la associamo? Infatti anche loro fanno parte della storia. Ecco a voi quindi la vera storia di come sia nata. Come tutti ben sappiamo  Halloween si festeggia l’ultimo giorno del mese di ottobre, e quindi la serata dei biscotti Halloween, il 31 di ottobre precede la festa del 1 novembre, che invece è la festa di All Saints, Ogni Santi. Il nome completo, All Hallowed Eve poi è  abbreviato al nome che tutti conosciamo ed amiamo.

Le feste pagane e quelle cristiane però non sono sempre andate in maniera parallela

Fino al settimo secolo dopo Cristo la festa di Halloween si svolgeva il 13 di maggio. È stato il papà Bonifacio IV a cambiare la data della celebrazione spostandola al 31 di ottobre. Ma perché precisamente il 31 ottobre ? Perché l’antico festival scozzese Samhain considerato la radice antica da cui proviene Halloween si svolgeva in tale data. La data marca un momento cruciale dell’anno segnando sia il cambio di stagione sia una specie di frontiera tra i due mondi, quello dei vivi e quello dei morti, come credevano gli antichi. Da qui Halloween trae ispirazione e guadagna il suo significato consacrato.

La storia dei rituali

Gli antichi rituali durante Samhain coinvolgevano molti riti dato che i Celti erano politeisti. Purtroppo non ci giungono molti dettagli su come si svolgevano tali feste ma sappiamo che al popolo celtico piaceva travestirsi. Anche se non ci giungono molti dettagli su come si svolgevano tali celebrazioni. Molti credono che i Celti festeggiavano in costume perché i costumi che usavano venivano adoperati come protezione contro gli fantasmi e gli spiriti.

trucco halloween

Le lanterne

In più già allora si facevano delle lanterne scavando delle zucche. La zucca di Halloween. Col tempo il cristianesimo prende sopravvento e i riti pagani sono smorzati ma le tradizioni basilari della festa rimangono nella cultura popolare. Semplice ogni anno si evolvono e si modernizzano adattandosi allo spiede dei tempi che cambiano.

Zucca Halloween

Infatti i rituali mistici di una volta si sono evoluti rendendo così giochi e divertimenti più leggeri e giocosi. Esempio la zucca Halloween è ormai un simbolo. Atro esempio il concetto macabro della connessione tra vivi e morti è sostituito con l’idea più leggera di prevedere il futuro. Il cosiddetto tipico gioco di Halloween chiamato “bobbing for apples, addenta la mela” diventa popolare come un gioco di cartomanzia durante la serata. Nel gioco si scelgono molte mele che rappresentano tutti gli spasimanti di una ragazza e lei poi successivamente avrebbe morso una mela specifica scegliendo così il suo futuro marito. Di fatto la festa era occasione per le donne del diciannovesimo secolo a scegliere così, anche se in maniera superstiziosa, il futuro consorte.

Trucco Halloween

Un altro gioco rituale era quello del “mirror-gazing” con cui le persone speravano di cogliere in questo modo una visione verso il loro futuro guardando in uno specchio. Ci sono anche dei racconti dei biscotti Halloween della fortuna regalati come favore o come dono in tempi lontani. La gente scriveva anche dei messaggi con il latte su pezzi di carta poi piegati e inseriti dentro i gusci delle noci. Tale guscio è  scaldato al fuoco durante la serata di Halloween rivelando così il colore marrone della scritta all’interno. In questo modo permette al proprio destinatario di leggere il suo messaggio misterioso.

Costumi Halloween

Stori dei costumi di Halloween e del rito del “dolcetto o scherzetto”.

Capitava durante la festa che molta gente si travestiva da santo e andava porta a porta cantando canzoni e recitando dei versi. Anche i bambini andavano porta a porta chiedendo di ricevere “soul cake” , un tortino per l’anima, simile all’odierno biscotto. Il concetto di chiedere e prendersi dei dolci diventa di moda negli USA durante gli inizi del 1900 quando le famiglie avrebbero deciso di regalare dolci ai bambini che bussavano alle loro porte per evitare che questi gli facessero dei dispetti durante le festività.

Vestitini Halloween

Anche i costumi si sono evoluti. I primi costumi Halloween da santo hanno lasciato la moda ai costumi da burlone in stile spaventoso indossati per spaventare e terrorizzare degli ignari vicini di casa. Di fatti grazie a dei hooligan scozzesi ed irlandesi che per la prima volta osarono cambiare lo stile, i costumi di Halloween divennero spaventosi, divertenti, creativi e terrificanti allo stesso tempo! Tutto questo accompagnato sempre dalla Zucca Halloween e dal trucco Halloween molto accentuato.

Come viene festeggiato oggi Halloween?

Ovviamente Halloween è una festa estremamente popolare negli Stati Uniti. Nel giorno d’oggi, così come ieri, ma questa festa quasi non c’è la fa ad attraversare l’oceano Atlantico in fatto di moda e popolarità. A tale proposito bisogna ricordare che i puritani britannici disapprovavano fortemente la festa e le sue radici pagane per cui non presero mai parte nelle celebrazioni di Halloween. Ma una volta che numerosissimi immigrati irlandesi e scozzesi iniziarono ad arrivare negli Stati Uniti, la festa venne di nuovo accettata e riconfermata nello spirito del tempo.

Celebrazioni

Nelle primissime celebrazioni di Halloween nell’America coloniale presero parte grandi comunità di persone per commemorare la raccolta che stava per arrivare, per raccontare storie di spiriti e di fantasmi, per cantare e per ballare. È calcolato che nel ventesimo secolo la festa è celebrata in Nord America dalla maggioranza delle persone amanti dei dolci e dei travestimenti di carnevale. Il trucco Halloween è molto seguito e imitato nel mondo intero.

I dolci più popolari tra i bambini a Halloween

Ovviamente ogni stato avrà la propria classifica dei dolci preferiti ma vediamo anche quali sono i “zuccherini” più venduti durante la stagione in cui si festeggia Halloween. Siete sicuri di sapere le risposte?

Biscotti Halloween

Tra i più amati, venduti e consumati troviamo Mars, Sneakers, Twix, Milky Way, Kit Kat. Barrette queste famosissime e vendutissime nel mondo amate da intere generazioni per il biscotti Halloween. Questo all’interno è ricoperto da cioccolato, caramello, in alcuni casi anche arachidi, ecc. Piacciono anche gli M&M’s, le lecca lecca e latri dolcetti molto zuccherosi a base di masi, zucchero e marshmallow tipici del mondo americano.

Halloween

Anche in questo anno, 2020, speriamo di poterci godere i nostri dolci preferiti di Halloween ammirando le decorazioni dei nostri vicini di casa il 31 di ottobre. E speriamo anche che gli unici spiriti spaventosi di cui parleremo saranno i costumi da streghe e da fantasmi che i nostri amici indosseranno! E anche il trucco di Halloween farà sempre la sua parte.

Leggi anche Frasi Celebri Film.

Scuola Inglese Roma.

 

Categoria: Cultura | Articolo scritto da:

Dove Siamo

Logo Metropolitana Roma Piazza Bologna (linea B)
Via Ravenna, 34

Scrivici

i termini e le condizioni stabilite sulla Privacy Policy *

Dimostra che non sei un robot