Barack Obama


obama

Barack Obama

Barack Hussein Obama II nasce il 4 agosto 1961. È un politico e anche un avvocato e ha servito la nazione diventando il 44esimo presidente eletto degli Stati Uniti con due mandati, dal 2009 al 2017. È anche membro del partito Democratico, e detiene il record di essere il primo presidente afro-americano. Prima della candidatura per la presidenza, è stato per due volte senatore dello stato di Illinois, dal 1997 fino al 2008. Come Obama stesso aveva detto una volta eletto da presidente. Il cambiamento che cerchiamo richiederà più di una scadenza e più di un mandato presidenziale. Secondo lui infatti il cambiamento vero, quello grande necessita di molti anni. Questo richiede che ogni generazione accetti sia gli obblighi che le opportunità che vengono con il titolo di Cittadino. Sua Moglie Michelle Obama.

Barack Obama

Ecco una citazione di Barack Obama: “La vera democrazia è un progetto molto più grande di ognuno di noi. È più grande di qualsiasi persona, qualsiasi presidente e qualsiasi governo. Questo è un lavoro che ognuno di noi deve svolgere”. Bisogna riconoscere che pochi presidenti hanno fatto una strada cosi peculiare verso la Casa Bianca. Barack nasce a Hawaii. Sua madre è bianca e del Kansas, mentre suo padre è di colore ed è originario dal Kenya.

Il piccolo Barack cresce dai nonni materni la cui generosità di spirito riflette le loro radici del Midwest, e cioè gli Stati Uniti medio-occidentali. I nonni lo hanno cresciuto con dei valori semplici che si sono andati a sommare all’innato ottimismo che contraddistingue Obama. Come lui stesso afferma, la missione della sua vita è quella di fare in modo che ogni bambino, indifferentemente dalla provenienza abbia le stesse possibilità che America ha dato a Barack Obama.

Obama

Da studente Barack è stato brillante. Questo è dimostrato dal fatto che ha vinto diverse borse di studio. Ma allo stesso tempo ha dovuto ricorrere anche a dei prestiti studenteschi per pagare le tasse universitarie. Successivamente Obama si trasferisce a Chicago.  Inizia a lavorare con le chiese del posto per aiutare le comunità devastate dalla chiusura delle fabbriche locali d’acciaio. Questa esperienza ha affinato la sua fede nel potere dell’unione delle persone semplici intorno ad uno scopo politico ben preciso. Il giovane Barack Obama credeva che il lavoro duro della cittadinanza poteva portare un cambiamento positivo. Diventa il primo presidente afro-americano della rivista pubblicata dalla sezione legale di Harvard, la Harvard Law Review. Dopo quella esperienza Obama torna a Illinois per insegnare legge costituzionale all’università di Chicago. In seguito vince nei seggi per il senato di Illinois dove diventa senatore per ben due mandati.

Barack Hussein Obama è eletto come quarantaquattresimo presidente statunitense il 4 novembre del 2008.

La sua vittoria è storica perché riesce a vincere con più voti in assoluto rispetto a qualsiasi altro vincitore precedente!

La sua presidenza inizia in mezzo ad una crisi senza precedenti. Nei decenni passati nella storia del paese-la nazione era in guerra, il pianeta in pericolo. Anche il sogno americano stesso era minacciato dalla più grande crisi economica dopo la Grande Depressione. Ciò nonostante, la leadership di Obama ha contribuito a salvare l’economia degli Stati Uniti. Rivitalizzare l’industria automobilistica. Riformare il sistema sanitario in moda da poter coprire altri venti milioni di cittadini americani. E a mettere la nazione sulla strada verso l’utilizzo delle energie rinnovabili. Tutto questo mentre l’amministrazione Obama supervisionava il periodo più lungo di creazione di posti di lavoro nella storia americana.

Obama

Sul piano internazionale c’è stata la convinzione di Obama dell’indispensabile leadership americana rafforzata da un’azione diplomatica forte e di sani principi. Tutto ciò ha aiutato a poter diminuire gradualmente le guerre in Iraq e Afghanistan. Decimare organizzazioni terroristiche come Al Qaeda. Eliminare alcuni dei terroristi più ricercati al mondo. Chiudere il programma iraniano per l’armamento nucleare. Aprire un nuovo capitolo di relazioni diplomatiche con Cuba e unire l’umanità nel combattere il cambiamento climatico.

Obama

In tempi di grandi sfide e cambiamenti la guida del presidente Barack Obama ha portato l’America verso un’economia più forte. Verso una società più equa e una nazione più sicura a livello domestico e più rispettata nel mondo. Gli anni della presidenza Obama hanno permesso a molti di iniziare a specchiarsi nel volto dell’America che stava cambiando. Hanno permesso a tanti altri di vederla così come Obama stesso l’aveva sempre vista. Ossia l’unico paese al mondo dove tante storie di successo differenti potessero essere realizzate.

barack obama

Barack Obama e sua moglie Michelle Obama hanno due figlie

Michelle Robinson Obama è un avvocato, scrittrice e moglie del 44esimo presidente degli Stati Uniti. È stata la prima First Lady afro-americana. Con le sue iniziative Michelle è diventata un modello per le donne da seguire. E anche una sostenitrice del modello famigliare di sani principi così come una portavoce per l’istruzione superiore per tutte le ragazze. Quando la gente chiede a Michelle Obama di descriversi, lei non esita di definirsi in primis la “mamma di Malia e di Sasha”

Michelle Obama

Prima di diventare madre, moglie, avvocato e figura dedita al servizio pubblico, Michelle è stata la figlia di Fraser e Marian Robinson. Dopo aver finito le scuole pubbliche di Chicago, Michelle Obama ha studiato sociologia e studi afro-americani alla Princeton University. Dopo essersi laureata al dipartimento di legge di Harvard nel 1988, va a lavorare nello studio legale Sidley & Austin dove più tardi incontrerà Barack Obama, l’uomo della sua vita e suo futuro marito.

Puoi leggere anche l’articolo  Kennedy. e Presidente Stati Uniti. e Donald Trump.

Scuola Inglese Roma.

 

 

Categoria: Cultura | Articolo scritto da:

Dove Siamo

Logo Metropolitana Roma Piazza Bologna (linea B)
Via Ravenna, 34

Scrivici

i termini e le condizioni stabilite sulla Privacy Policy *

Dimostra che non sei un robot